Vota!

Suicidio assistito: in Italia morire ha un prezzo (alto)

La storia di Mario (nome di fantasia) era diventata nota nei mesi scorsi grazie all’Associazione Luca Coscioni. ParmAteneo aveva intervistato Marco Cappato per parlare di Mario e delle trappole burocratiche che i pazienti che decidono per l’eutanasia legale devono affrontare. Oggi sappiamo il suo nome, Federico Carboni. Aveva quarantaquattro anni, originario delle Marche, e dal 2010 era tetraplegico. Era rimasto completamente paralizzato dopo essere stato vittima di un grave incidente stradale. Il 27 agosto 2020 richiese al servizio sanitario nazionale la possibilità di applicare la sentenza intervenuta sul caso Dj...

leggi tutto...

Share |

Fonte originale: : ParmAteneo - Saturday, 25 June